Il rispetto e la tutela dei beni culturali

IL RISPETTO E LA TUTELA DEI BENI CULTURALI

–   Iniziative opportune per allargare la conoscenza e la difesa dei tesori artistici del Paese.

L’Italia è stata culla di una delle più importanti civiltà antiche e nel corso dei secoli ha continuato ad essere al centro della storia come sede della cristianità, punto di irradiazione dell’arte del Rinascimento e maestra dell’opera musicale. È naturale che nel nostro paese, più che in altri, abbondino ricordi di ogni genere, storici, artistici, librari, testimonianze ineguagliabili di questi millenni di cultura. In economia un “bene” è qualunque cosa serva a soddisfare i bisogni dell’uomo che possa essere acquistata, ma allora cos’è un “bene culturale” ?

Come dice l’espressione , è qualcosa che serve a soddisfare: bisogni culturali dell’uomo, il suo bisogno di realizzarsi nell’arte. Scavi archeologici, monumenti, edifici, dipinti e così via, sono esempi di beni culturali. Gli scavi archeologici riportano alla luce antiche città sepolte e ci fanno conoscere la “cultura”, il modo di vivere dei loro abitanti di un tempo. I monumenti sono segni di personaggi illustri e, nello stesso tempo, dell’ammirazione che per loro fu provata e che spinge a immortalare la memoria di quei grandi uomini. Ogni anno migliaia di turisti vengono da tutto il mondo per ammirare estasiati la Cappella Sistina, Il Colosseo, la Torre di Pisa, Il Duomo di Milano, Venezia, Il Museo degli Uffizi, i Fori Romani, i castelli di ogni epoca, i templi greci conservati in Sicilia, le chiesette medievali affrescate da pittori famosi. Tuttavia, non c’è bisogno di pensare a Roma, a Firenze ed altre grandi città note per i tesori culturali che custodiscono. I beni culturali sono dovunque in una qualsiasi città, in un qualsiasi paese. Il problema è un altro. Non si tratta di trovare i beni culturali, si tratta di proteggerli, di difenderli. Giapponesi, americani, tedeschi, francesi, nordici vivono in una dimensione diversa da quella in cui siamo calati noi, e diversamente da noi italiani, che spesso siamo miopi nei confronti del nostro patrimonio artistico e culturale, sono in grado di apprezzare quel crogiuolo artistico che è il nostro Paese.

Non si può negare che, da quando si è sviluppata l’idea che la ricchezza artistica è appunto un patrimonio, con un carattere di produzione di reddito, collegato al turismo e alla fruizione dei musei e gallerie, sia sorta una nuova mentalità e maggiore attenzione alla conservazione del tesoro artistico italiano. Ciò nonostante a tutt’oggi in molti luoghi gli orari di musei e scavi continuano ad essere piuttosto bizzarri, dato che i giorni di chiusura coincidono con le feste e i periodi di maggior afflusso turistico. Molte volte, poi, i prezzi di accesso ai nostri tesori culturali sono cari e scoraggiano molti, specie i più giovani, dal familiarizzare con le bellezze della propria città. A mio avviso, invece, bisognerebbe attuare delle iniziative volte ad allargare sempre più la massa degli utenti, facendo si che la gente impari a conoscere e a capire meglio il luogo in cui vive e la storia passata, anche per mezzo della scuola e dei mass-media. In qualche caso è stato già fatto in modo che studenti e disoccupati usufruissero gratuitamente delle esposizioni e dei maggiori eventi artistici e musicali. Tuttavia, ritengo che se si giungerà, nei prossimi anni, al prevalere dell’idea di cultura come servizio sociale, si potrebbero coniugare l’esigenza di salvaguardare le testimonianze del nostro passato con le necessarie risorse economiche, e l’esigenza lavorativa di quella massa di intellettuali disoccupati o sottoccupati che escono o sono recentemente usciti senza prospettive dalle nostre università del settore.

Valentina Corrente

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...